L’umidità di risalita sulle pareti

L'umidità di risalita sulle pareti

L’umidità di risalita sulle pareti | Nella scorsa newsletter avevamo parlato di umidità di risalita ma riferendoci esclusivamente a quella relativa ai pavimenti. Restiamo sullo stesso problema ma ci spostiamo questa volta sul fenomeno della risalita capillare sulle pareti. Con il termine si intende la risalita di acqua lungo i muri sino ad arrivare all’impregnazione. I segni di questo fenomeno talvolta si limitano ad interessare qualche centimetro della muratura In altri casi invece si estendono a più metri di altezza. Questo dipende dallo spessore e del tipo di materiale che è stato impiegato per la costituzione della parete.

L’umidità di risalita sulle pareti  | Ma quali sono le cause?

Attribuibili fondamentalmente alla risalita capillare dell’acqua proveniente dal terreno, tramite i pori e i minuscoli canali che inevitabilmente sono presenti nei materiali e nei leganti da costruzione.

Si presentano solitamente con macchie scure orizzontali, talvolta paralleli al terreno oppure con andamento ondulatorio. Certe volte la superficie della muratura può presentare anche efflorescenze, sfarinamento o distacco dell’intonaco.

Ovviamente questo fenomeno non è benevolo nei confronti della muratura. Sono diversi gli inconvenienti ai quali si va incontro, innanzitutto si assiste ad un deterioramento della superficie interessata. L’acqua che viene assorbita, a causa delle variazioni di temperatura alle quali è soggetta e di conseguenza ai cicli di gelo/disgelo aumenta di volume ed esercita una pressione sulla superficie dei pori causando il distacco di parti superficiali che, nel tempo, diventano sempre più profonde.

Come intervenire?

La priorità consiste nel blocco immediato del flusso di risalita dell’acqua mediante l’ausilio di un ostacolo trasversale al flusso.  Il secondo passaggio consiste ne far asciugare la porzione di muratura interessata dal fenomeno. Infine occorre trattare i sali depositati sulle pareti, per impedire loro di sciogliersi in acqua e di creare ulteriori problemi.

Le casistiche da analizzare sono molte e anche le variabili da tenere in conto. Clicca QUI per contattarci o avere una consulenza a te dedicata.

Pubblicato in News