Isolamento acustico delle strutture orizzontali

Isolamento acustico delle strutture orizzontali | Contenere l’entità di suoni e rumori esterni trasmessi all’interno di ambienti attraverso le componenti strutturali: pareti perimetrali, tramezzi e solai è una questione assai importante per poter migliorare le condizioni di vita delle persone. L’origine del rumore esterno è varia: traffico veicolare, ferroviario, sorgenti industriale ma anche radio, TV elettrodomestici o impianti.

Pertanto un’accettabile qualità acustica degli edifici potrà essere ottenuta solo con un’adeguata progettazione degli elementi strutturali.

La più classica modalità di immissione di rumori all’interno degli ambienti è la via aerea. Le onde sonore incidenti sui divisori (pareti, tramezzi e solai) determinano una loro messa in vibrazione e, quindi,  anche una parziale riemissione di onde sonore dalla parte opposta dei divisori interessati.

Isolamento acustico delle strutture orizzontali | Sistemi offerti dal mercato.

Isolamento acustico delle strutture orizzontaliDiverse sono le modalità che possono essere adottate  per  aumentare  l’isolamento  di  una  struttura  orizzontale. Generalmente consistono   nel   sovrapporre,   allo   strato   portante,   elementi   smorzanti   d’adeguata   resistenza  meccanica,  che  hanno  la  funzione  di  disconnettere  la  struttura  elastica  principale dalla pavimentazione vera e propria.

Un  accorgimento  da  rispettare  consiste  nell’evitare  il  contatto  del  sottofondo  di  supporto  del  pavimento  con  le  pareti  laterali.

La  struttura  ottenuta  è il cosiddetto  “pavimento  galleggiante”  ovvero una struttura indipendente dalla soletta portante dagli strati superficiali di rivestimento.

E’ importante scegliere il controsoffitto con uno spessore adeguato e di superficie porosa.

Per migliorare ulteriormente l’isolamento del solaio anche nei confronti dei suoni aerei risulta utile realizzare un controsoffitto pesante. Questo sarà costituito da elementi elastici che all’occorrenza  potrebbero  essere   utilizzati  per  controllare  il  tempo  di  riverberazione del locale sottostante.

In genere il controsoffitto viene realizzato impiegando una particolare struttura metallica autoportante. Il materiale di questa è solitamente una lamiera di acciaio zincato.  La connessione tra controsoffitto e struttura muraria avverrà mediante interposizione di un elemento antivibrante. All’interno della sezione dei profili metallici si inseriscono doppi pannelli in materiale fonoassorbente ad alta prestazione.

Pubblicato in News